Blood of the Prophet_ Kat Ross

blood-of-prophet

Un grande DOVE ERAVAMO RIMASTI??? Esattamente dove comincia questo secondo episodio della trilogia Il quarto elemento. I nostri esotici eroi arrivano a Karnopolis per salvare il profeta Zarathustra ritenuto morto da oltre duecento anni e invece tenuto prigioniero e nascosto al mondo per la causa di un re despota ed egoista. Intanto Lysandros e Victor vanno a Bactria per recuperare il Sacro fuoco. Nazafareen, Darius, Tijah e Myrri entrano di nascosto in città per avvalersi dell’aiuto del proprietario di un bordello che gli offrirà anonimato e ospitalità in attesa che un magus, seguace del profeta, procuri loro una mappa dei tunnel dove si ritiene sia segregato Zarathustra. Il Profeta è l’unico a poter spezzare i bracciali che schiavizzano i daeva; inoltre Alexander conta sul fatto che se venisse data agli Immortali la promessa della libertà, il re persiano perderebbe il suo esercito cosicché si possa conquistare Persepolae senza bisogno di una guerra. Purtroppo anche il negromante Balthazar è sulle tracce del profeta per conto della sua amata regina Neblis…

Durante il soggiorno alla Lancia di Marduk (il bordello di cui sopra) Nazafareen e Darius avranno occasione di conoscere qualcosa in più riguardo a questo profeta che si ritiene scopritore dell’uso della magia elementale usata dai daeva, nonché studioso e sperimentatore dei suoi segreti. La curiosità che spinge Darius cade a fagiuolo dal momento che la sua amata legata Nazafareen pare stia inconsciamente covando alcune sconcertanti capacità; qualcosa infuria dentro di lei alimentando un potere enorme, sconosciuto e pericoloso. Ma non sarà l’unica cosa che i due avranno opportunità di approfondire… ❤

Poco lontano le truppe di Alexander scalpitano per attaccare Persepolae dove risiede il re che tiene legata Delilah – la madre di Darius – e liberare i daeva che lo desiderino, altrimenti sarà morte e fuoco per tutti. Dunque i giorni che li dividono dall’inizio di una guerra sono contati. Quello che non sanno è che c’è da aspettarsi una guerra anche su un altro piano; le loro sorti sono molto più legate alla vendetta della regina Neblis di quanto immaginano.

Questo secondo capitolo è stato adeguatamente soddisfacente e coerente, il ritmo della storia è stato spesso rallentato dalla polifonia che però permette di avanzare nella vicenda a suon di punti di vista e piani machiavellici altrui. A differenza del primo romanzo, dove l’inizio corre veloce e il ritmo degli avvenimenti è adrenalinico, in questo secondo il tempo in certi momenti si ferma un po’ troppo. La nota positiva è che ci si ferma sulla personalità dei personaggi con dei piccoli focus che contribuiscono a costruire la storia e dunque le motivazioni che li spingono nelle loro azioni.

Senza dubbio è il classico capitolo di mezzo dove alcune certezze si consolidano, dove le scelte diventano quelle da cui non si torna indietro, dove ci si prepara senza ombra di dubbio a un epico finale.

*Nota per il lettore* da cui estrapolo un passaggio:

Usciranno altri due libri… Queen of Chaos concluderà la trilogia ambientata nell’antica Persia. Ora, prendete la mia mano e stringetela forte, perché stiamo per fare un salto di duemila anni nel futuro…

La verità è che amo troppo questi personaggi per rinunciare per sempre a loro…

E adesso prendete e stringete forte la mia di mano e andiamo direttamente da Kat Ross per capirci meglio… io ci sono già stata e…

wiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

questa scrittrice riserva grandi sorprese, e io ho grandi aspettative!

P.s. considerando che l’ultimo capitolo di questa trilogia, Queen of Chaos, risale a gennaio 2017 e non è stato ancora tradotto in italiano, non so quando i due capitoli della nuova saga The Fourth Talisman, Nocturne (dicembre 2017) e Solis (febbraio 2018) saranno disponibili T_T

Lo stesso vale per la saga del Dominio in cui – parola di Kat – Sherlock Holmes incontra X-Files in questa serie paranormal mistery. YEAH!

 

Annunci